/tecnologie
tecnologie 2018-08-31T12:53:03+00:00

Sistemi a confronto

Le condizioni di benessere sono rappresentate da due parametri, la temperatura e l’umidità relativa, che devono rientrare all’interno di valori riportati dal grafico.

Tra la stagione invernale e quella estiva, i valori della temperatura di benessere differiscono.

Durante la stagione invernale, la temperatura di benessere all’interno di una abitazione, varia tra i 19°C e i 24°C secondo la preferenza e le esigenze di chi vi soggiorna.

Durante la stagione estiva, la temperatura varia tra i 24°C e i 26°C.

Riscaldamento a confronto

Il sistema di riscaldamento radiante R Panel® garantisce: un comfort ineguagliabile grazie alla distribuzione omogenea delle temperature;  un risparmio energetico del 30% – 60% anche grazie alla bassa temperatura di alimentazione 35°C – 42°C; un perfetto utilizzo con caldaie a condensazione, pompe di calore, geotermia e altre sorgenti rinnovabili che permettono la riduzione di emissioni di CO2.

Il riscaldamento con termosifoni non permette una distribuzione omogenea delle temperature all’interno dello stesso ambiente e ciò determina una situazione di disagio per chi vi soggiorna. Il sistema a termosifoni è un sistema ad alta temperatura 60°C -70°C che comporta un alto consumo energetico con conseguente dispendio economico; disagio dovuto all’aria troppo secca; non perfetta compatibilità con alcune centrali termiche di ultima generazione come pompe di calore aria-acqua, geotermia e altre sorgenti rinnovabili.

Raffrescamento a confronto

Il sistema di raffrescamento R Panel® è un sistema ibrido, unico nel suo genere, perché permette di raffrescare in modo naturale grazie alla grossa componente radiante e al piccolo contributo convettivo (fan coil) con il compito di deumidificare quando necessario. Ciò garantisce il massimo comfort, in quanto il sistema controlla e gestisce sia la temperatura che l’umidità relativa.

Il sistema di climatizzazione estiva con pompe di calore (Split) è un sistema esclusivamente convettivo che oltre agli alti consumi energetici non offre il massimo comfort. Infatti, l’erogazione di aria fredda, oltre ad essere fastidiosa non garantisce una temperatura uniforme all’interno dell’ambiente, creando così situazioni di disagio dovute alla temperatura stratificata.

condividi